Portale istituzionale

Al servizio del sistema energetico e ambientale italiano

CIRCOLARE N. 17/2018/ELT

Ai sensi del comma 9.7 della deliberazione 237/2018/R/eel il Direttore della Direzione Infrastrutture Energia e Unbundling dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (di seguito: ARERA) si è avvalso del supporto operativo della Cassa per i servizi energetici e ambientali (di seguito: CSEA) ai fini dell’acquisizione delle informazioni e dei dati necessari per le determinazioni tariffarie relative ai servizi di distribuzione e misura dell’energia elettrica, ivi incluse le informazioni in merito alla stratificazione degli investimenti.

Con la determina n. 5/2018 - DIEU l’ARERA ha disposto che la CSEA trasmetta alle imprese distributrici che servono meno di 25.000 punti di prelievo:

 

  1. le stratificazioni puntuali degli incrementi patrimoniali entrati in esercizio fino al 31 dicembre 2014, relativi sia alla gestione delle infrastrutture di rete sia alle attività di commercializzazione del servizio di distribuzione;
  2. le stratificazioni puntuali dei contributi pubblici e privati incassati dalle imprese a partire dall’anno 2007, relativi al servizio di distribuzione;
  3. il valore parametrico delle immobilizzazioni nette relative agli elementi delle reti di distribuzione in media e bassa tensione entrati in esercizio fino al 31 dicembre 2007, determinato secondo quanto riportato nella relazione AIR allegata alla deliberazione 199/11;
  4. apposito questionario volto a raccogliere le informazioni riguardanti le stratificazioni degli incrementi patrimoniali relativi al servizio di misura dell’energia elettrica entrati in esercizio fino al 31 dicembre 2014;
  5. le informazioni riguardanti il numero di misuratori elettronici in bassa tensione, complessivamente installati alla data del 31 dicembre 2014.

 

L’art. 2 della medesima determina prevede che le imprese distributrici trasmettano alla CSEA:

 

  1. le stratificazioni di cui al punto 1, lettere a) e b), nonché le informazioni di cui al punto 1, lettera e), eventualmente modificate per recepire, se necessario, rettifiche di valore, riclassifiche di cespiti e/o integrazioni di dati non precedentemente comunicati;
  2. nel caso di modifiche apportate al valore degli incrementi patrimoniali di cui al punto 1, lettera a), al valore dei contributi di cui al punto 1, lettera b), ovvero alle informazioni di cui al punto 1, lettera e), apposita comunicazione in cui si riportano, per ciascun valore modificato, le motivazioni alla base della rettifica;
  3. in relazione alle stratificazioni di cui al punto 1, lettera d), i questionari debitamente compilati;
  4. apposita dichiarazione di conformità, a firma del proprio rappresentante legale, allegata alla presente circolare.

 

L’art. 3 della suddetta determina ha disposto che lo scambio di informazioni di cui ai precedenti punti sia gestito operativamente dalla CSEA, secondo modalità e tempistiche dalla medesima definite e di seguito indicate.

 

Modalità di dichiarazione dati

Al fine di acquisire i dati e le informazioni sopraindicate la CSEA ha predisposto un portale informatico dedicato disponibile all’indirizzo https://RAB.csea.it.

In allegato alla presente si fornisce il Manuale Utente, contenente le indicazioni ai fini dell’utilizzo delle diverse funzionalità predisposte.

 

Tempistiche di dichiarazione dati

Il termine per l’invio dei dati secondo le modalità descritte nel Manuale Utente è il 16 luglio 2018.

 

Per qualsiasi informazione in merito è possibile inoltrare richiesta all’indirizzo pec: perequazioni@pec.csea.it ovvero contattare i seguenti recapiti telefonici: +39 06 32101351 (Dott.ssa Carmela Brillante); +39 06 32101336 (Ing. Alberto Mengoli).

 

 

Il Direttore generale

 Enrico Antognazza