Portale istituzionale

Al servizio del sistema energetico e ambientale italiano

CIRCOLARE N. 46/2020/IDR

Richiesta informazioni agli Enti di governo d’ambito in virtù delle disposizioni di cui alla Determina ARERA 29 giugno 2020 1/2020 – DSID

 

Il Metodo Tariffario Idrico 2020-2023 (MTI-3), al comma 36.3 prevede che la copertura dei premi relativi alla qualità tecnica e contrattuale possa avvenire anche attraverso uno strumento allocativo, aggiuntivo rispetto al meccanismo perequativo, per il quale è stata istituita la componente UI2, alimentato dalla eventuale quota  di cui al comma 17.1 del MTI-3, da versare sul Conto di cui all’articolo 33 del MTI-2 (come integrato dalla deliberazione 918/2017/R/IDR), istituito presso la CSEA “per la promozione della qualità dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione”.

Ai fini della riscossione della citata quota  di cui al suddetto comma 17.1 del MTI-3, la Determina 29 giugno 2020 1/2020 – DSID all’art. 9 prevede che:

  1. la medesima sia espressa in unità di consumo, dividendo, pertanto, l’importo corrispondente alla stessa quota  per i metri cubi erogati nell’anno (a−2) e che il risultato così ottenuto sia applicato al consumo degli utenti;
  2. il gestore provveda ad evidenziare in bolletta, oltre alla componente UI2, anche l’eventuale “quota ad integrazione del meccanismo nazionale per il miglioramento della qualità del servizio idrico integrato” come risultante dalle operazioni di cui al precedente punto;
  3. il gestore versi alla CSEA l’importo di cui al punto a, secondo le istruzioni operative definite dalla medesima CSEA.

In considerazione di ciò, si richiede a tutti gli Enti di governo d’ambito (EGA) che abbiano già provveduto a quantificare per i pertinenti gestori – nell’ambito della relativa proposta tariffaria 2020-2023, approvata e trasmessa all’ARERA – la quota  di cui al comma 17.1 del MTI-3, di compilare e trasmettere alla CSEA le informazioni contenute nell’Allegato 1. Dette informazioni devono essere trasmesse per ogni Ambito Territoriale Ottimale e per ciascun gestore che opera all’interno dello stesso.

In caso di rideterminazione della quota  di cui al comma 17.1 del MTI-3 (sulla base di eventuali modifiche che dovessero rendersi necessarie in esito alle verifiche istruttorie condotte da ARERA), ovvero in caso di aggiornamento del valore unitario della predetta quota (tenuto conto dei metri cubi erogati nell’anno (a−2)), l’EGA deve darne comunicazione a CSEA entro 30 giorni, trasmettendo l’Allegato 1 aggiornato con le nuove determinazioni.

L’Allegato 1 costituisce un’autocertificazione resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, e deve essere trasmesso all’indirizzo PEC acqua@pec.csea.it.

Con successiva comunicazione la CSEA renderà note le modalità operative con le quali i gestori dovranno provvedere al versamento dell’importo di cui all’art. 9, lett. c), della Determina ARERA 29 giugno 2020 1/2020 – DSID.

Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare il Dott. Alessandro Di Cori (Tel. +39 06 32101359 – E-mail alessandro.di.cori@csea.it) e l’Ing. Luciano Ortoleva (Tel. +39 06 32101331 – E-mail luciano.ortoleva@csea.it).

 

 

Il Responsabile Area Elettricità, Gas e Ambiente

Giuseppe Tribuzi

 

Documenti